Backup: cos’è, a cosa serve e perché è importante

da | 11 Mag, 2021

Fare un backup è importantissimo in un processo di disaster recovery. Attuando questa procedura periodicamente, potrai quindi generare una copia di file o database importanti e recuperarli in casi di emergenza quali guasti, attacchi informatici, errori da parte di chi usufruisce di questi file. 

In questo articolo, vedremo nel dettaglio che cos’è un backup. Parleremo anche della loro importanza, dell’utilizzo e dei test di ripristino. 

Che cos’è il backup? 

In informatica, il backup è la duplicazione di un file o di un insieme di dati su un supporto esterno al computer. Serve, insomma, per avere una copia delle nostre foto, conversazioni sui software di messaggistica, contenuti del nostro sito e molto altro. 

consulente informatico in una server farm

Il backup è quindi fondamentale per tutelare i propri dati e andarli a riprendere quando è necessario. Qualunque azienda che presenta un ambiente IT dovrebbe effettuare periodicamente il backup dei dati in modo da non perdere mai le informazioni importanti. 

Tuttavia, anche i privati che utilizzano uno smartphone o un qualsiasi altro dispositivo, dovrebbero effettuare un backup periodico in modo da recuperare dei file e cartelle in caso di necessità. 

A cosa serve il backup? 

Lo abbiamo già anticipato, ma è meglio approfondire il vero motivo per cui si effettua un backup. In caso di imprevisti quali guasti degli hardwareincendi, allagamenti, terremoti, attacchi informatici o errori di tipo umano, il backup si rivela utile per recuperare i dati perduti e tornare alla condizione precedente la perdita degli stessi. 

Ogni azienda dovrebbe possedere un data recovery plan, in modo da prevedere e risolvere eventi spiacevoli come quelli appena elencati e recuperare tutto il necessario per tornare a essere operativi. 

Gestire le operazioni di backup in azienda 

Oggi le informazioni sono il fulcro dell’economia mondiale. Ecco perché la loro sicurezza va tutelata. Tuttavia, soprattutto le piccole aziende, tendono a sottovalutare questo aspetto. 

serie di 4 hard disk

Sono convinte che i propri dati siano al sicuro o che non valga la pena spendere dei soldi per proteggerli. Niente di più sbagliato: oggi software e hardware per la duplicazione di file e dati sono accessibili a tutti e bisogna approfittarne. 

E’ necessario organizzare i dati in modo da essere efficienti in caso di emergenza e ricominciare a essere produttivi senza perdere nulla di importante. 

Tipi di backup 

I backup possono essere ricondotti a due grandi categorie: quelli che creano una replica e l’archiviazione. 

Replica dei file

La replica dei file è una modalità molto semplice. Esistono in commercio strumenti che si occupano automaticamente della sincronizzazione di file tra la locazione principale e la replica. Altrimenti, è l’utente stesso che può occuparsi della copia manualmente. 

Questo metodo richiede un server o dischi rimovibili. Una volta si utilizzavano dei nastri, ma oggi questa modalità è caduta in disuso. 

Certamente è un metodo molto rapido, anche se poi non sarà possibile utilizzare le vecchie versioni dei file duplicato. 

 Archiviazione

Questo problema non si presenta con il metodo dell’archiviazione. Attraverso questo metodo, i file vengono impacchettati e inseriti in un archivio. I software che si occupano della generazione dell’archivio e del monitoraggio dello stesso hanno certamente dei vantaggi, come la possibilità di risalire a precedenti versioni dei file. 

Tuttavia, hanno un certo costo e necessitano di un ripristino in caso di perdita dei file principali. 

Test di ripristino dei backup

Ad ogni modo, i processi di backup vanno controllati per verificare che non vi siano interruzioni della duplicazione. Potrebbe succedere, per esempio, quando lo spazio di archiviazione non è più sufficiente. 

In azienda, come nella vita di tutti i giorni è dunque bene verificare che tutti i processi di backup siano conclusi e integri. Inoltre, è sempre bene testare il ripristino. 

grafica per disaster recovery

Ormai tutti i software per il backup offrono la possibilità di effettuare test di ripristino. Si tratta di test ricorrenti automatizzati per verificare che i file e le cartelle di backup siano recuperabili e utilizzabili. 

I software utilizzano screenshot per verificare la corretta esecuzione del ripristino. Questi forniscono la registrazione di ciò che è avvenuto durante il test e inviano report all’utente direttamente tramite email. 

Si tratta di un processo che va eseguito periodicamente, molto semplice da avviare e comodo in quanto completamente automatizzato. Inoltre, i risultati del test offrono una panoramica sulle tempistiche per il ripristino di emergenza. 

Metodi per il backup moderni 

Nelle aziende, per eseguire il backup, si utilizzano oggi due metodi: NAS e cloud storage, più affidabili e semplici da utilizzare rispetto ai dischi rimovibili. 

Il NAS

Il NAS è un server dedicato esclusivamente all’archiviazione di file e dati. Il cloud storage è un archivio presente in rete. Entrambi questi metodi sono certamente molto sicuri, anche se presentano dei difetti: per esempio, il NAS non permette di recuperare i dati in caso di errori umani o corruzione del software. 

Cloud storage

Il servizio di storage in cloud è spesso la soluzione più diffusa tra le aziende, in quanto incontra le esigenze di utilizzo ed economiche delle imprese. 

scritta Hope for the best

servizi di backup online sono molto convenienti in quanto offrono velocità e spesso spazio illimitato. Consentono l’accessibilità ai dati ovunque ti trovi e questi si trovano in data center professionali al sicuro da attacchi o danni. 

Conclusioni 

Il backup è un processo fondamentale per l’operatività e la sicurezza di un’azienda. Quasi sempre l’importanza di un backup si percepisce nel momento in cui è ormai troppo tardi, quando ormai abbiamo perso dei dati fondamentali. 

In questo breve articolo hai scoperto l’importanza del backup e a quali strumenti di potresti affidare. Se hai bisogno di un consulto per scegliere la soluzione migliore per la tua impresa, non esitare a contattarci! 

da | Mag 11, 2021

Altri articoli

Hai un progetto in mente?

Pin It on Pinterest

Share This