Metaverso: che cos’è e come funziona

Scenario di un metaverso

Il 28 ottobre scorso, la società Facebook ha annunciato il cambio di nome in Meta. Questa notizia ha rappresentato un potente catalizzatore per il metaverso. Ma se per noi italiani il concetto è piuttosto nuovo, negli Stati Uniti se ne parla già da qualche anno.

Che cos’è il metaverso

Ma cos’è esattamente il metaverso? Rappresenta il futuro di Internet come sostengono Mark Zuckemberk e Satya Nardella (CEO di Microsoft)? O è un nuovo video gioco? Oppure si tratta dell’evoluzione delle riunioni virtuali?

La visione del metaverso secondo Mark Zuckenberg di Meta

Ancora non si sa. Il metaverso è come gli albori di Internet: costituisce le fondamenta di una nuova forma di comunicazione, senza però sia ancora chiaro che cosa ci starà sopra.

Mettiamola così: il metaverso può essere pensato come a un insieme di tecnologie su cui si appoggeranno delle soluzioni. Come Internet è la tecnologia su cui si basano posta elettronica, siti web, chat, streaming, così il metaverso è una tecnologia su cui verranno implementate una serie di applicazioni. Quali saranno queste applicazioni è ancora difficile da prevedere.

Due persone con visore di realtà virtuale

Metaverso è quindi un termine ampio che fa riferimento ad ambienti condivisi del mondo virtuale a cui le persone possono fare accesso attraverso Internet. Una rete di mondi virtuali in 3D.

Come funziona il metaverso

Il metaverso è una combinazione di diversi elementi tecnologici. Strutturalmente, il metaverso è costituito da tre livelli:

  • i contenuti: cosa si trova dentro il metaverso
  • i software: i programmi che fanno funzionare il metaverso, le applicazioni
  • l’hardware: gli strumenti per accedere al metaverso, come il visore o le lenti, ma anche smartphone o console.

Le tecnologie su cui si basa il metaverso invece sono la realtà aumentata e la realtà virtuale.

La realtà aumentata (AR) è la realtà che viviamo, filtrata con degli effetti speciali.

Per esempio: hai davanti a te un monumento. L’app di realtà aumentata del tuo smartphone ti offre informazioni aggiuntive su quell’opera d’arte.

Schermata di smartphone che usa la realtà aumentata per vedere come verrà  arredato una stanza vuota

La realtà virtuale (VR) è una realtà parallela. Tu sei dentro qualcosa di diverso, un software che ti permette di vivere qualcosa di diverso, anche se sei tu a decidere come muoverti. Pensa a un mondo virtuale che continua a esistere anche quando tu non sei presente.

Ragazzo che gioca con la realtà virtuale

La realtà virtuale è tutta digitale, la realtà aumentata combina il mondo fisico con quello digitale.

A cosa serve il metaverso

Il metaverso è una realtà 3d, una realtà parallela, in cui sarà possibile fare dei meeting, incontrare le persone, esplorare degli spazi, visitare uffici o case.

Nella visione dei fan del metaverso, i suoi utenti potranno lavorare, giocare e rimanere connessi con gli amici, partecipare a conferenze, concerti e viaggiare (nel mondo virtuale, naturalmente).

Come nel mondo reale, anche nel metaverso si potranno acquistare e vendere cose: abiti, oggetti, terreni, case. Tutto virtuale. Pagando magari in una criptovaluta.

Persona che indossa un visore per la realtà virtuale

In videogiochi come Fortnite o World of Warcraft è già possibile fare qualcosa del genere. Ma il metaverso sarà più di questo.

Si potrebbe sfruttare il metaverso per fare formazione ai neoassunti oppure godersi di un concerto di musica classica immersi in un teatro virtuale senza muoversi da casa, ma interagendo con gli altri partecipanti all’evento.

Definire il futuro con gli occhi del presente però è un esercizio che può portare fuori strada.

Metaverso pro e contro

Per ora stiamo parlando di uno scenario futuristico, ma che porta con sé diverse incognite.

Immagine evocativa del metaverso

Prima fra tutte, l’hardware. Come accederemo al metaverso? Gli attuali visori di realtà virtuale sono molto ingombranti. La maggior parte delle persone segnala problemi di mal di mare (cinetosi) o dolore fisico quando li indossa troppo a lungo. Anche gli occhiali per la realtà aumentata incontrano problemi simili.

Esperimenti analoghi non hanno mai incontrato il successo del pubblico. Pensa ai Google Glass, ritirati nel 2015. Lo stesso si può dire per le televisioni 3d.

La fruizione della tecnologia diventa determinante. Monteresti volentieri in auto se ogni volta dovessi imbracarti come Lewis Hamilton? Se i visori diventeranno più comodi (ed economici), forse l’idea del metaverso potrebbe anche diffondersi.

Cosa si può fare oggi nel metaverso

Definire il presente del metaverso non è semplice, visto il suo stato embrionale.

Per ora il metaverso più plausibile è quello legato al mondo dei videogiochi.

I bambini festeggiano i loro compleanni sulla piattaforma Roblox.

Negli Stati Uniti i visori Oculus creati da Meta sono stati il regalo più gettonato di questo ultimo Natale.

Resta da capire quale sarà il metaverso di riferimento. Facebook (Meta) si è molto esposta, ma ci sono anche altre aziende, come Microsoft, Roblox, Apple e molte altre che ci stanno lavorando.

L’azienda di Zuckemberg punterà di più sull’aspetto social del metaverso. Nella loro visione del futuro, il metaverso rappresenterà l’interfaccia per connettersi a Internet.

La società di Redmond sarà più interessata ad applicazioni per le aziende, come la creazione di uffici virtuali. Microsoft ha già una piattaforma (Mesh) https://www.microsoft.com/en-us/mesh che utilizza una realtà “estesa”, combinazione di realtà aumentata e realtà virtuale. A partire da questo anno Teams, l’applicazione per la condivisione dei documenti e di riunioni on line, dovrebbe iniziare a supportare gli ologrammi e gli avatar virtuali.

Nel video gioco Fornite, amatissimo dai ragazzini, si sono già tenuti concerti virtuali di star come Ariana Grande [Fortnite Presents: Rift Tour Featuring Ariana Grande] e Travis Scott.

A fine febbraio 2022 il Manchester City ha siglato un accordo con Sony per la digitalizzazione dello stadio e portarlo nel metaverso. Potremo vedere la partita di calcio come allo stadio seduti sul divano del salotto?

L’11 aprile 2022 Lego e Sony hanno investito 2 miliardi di dollari per la creazione di un metaverso per bambini.

I siti per entrare e le criptovalute del metaverso

Alcune piattaforme sono già operative nel settore del metaverso.

Decentraland

Creata da due sviluppatori argentini, Decentraland è una piattaforma di mondi virtuali in 3D open source, con un prezzo di ingresso di 20$ e una sua propria criptovaluta, MANA.

Si tratta di una delle piattaforme del metaverso più vecchie (è stata lanciata nel 2020) e ha collaborato con Samsung e gli Australian Open.

Sandbox

Lanciata nel novembre del 2021, la piattaforma si sta rapidamente sviluppando per creare una metropoli virtuale, grazie ad accordi con aziende del settore entertainment, finanza, gaming e immobiliare.

Anche Sandbox ha una sua criptovaluta, SAND, scambiata anche su Binance.

NOTA: l’argomento delle criptovalute sul metaverso esula dal tema del nostro blog. Trattandosi di una tecnologia ancora agli inizi, rappresenta un tipo di investimento molto rischioso.

Roblox

Milioni di ragazzi usano ogni giorno Roblox, una piattaforma che permette di creare videogiochi on line dagli utenti stessi della piattaforma.

Metaverso per aziende e piccole e medie imprese

Ogni volta che una nuova tecnologia si affaccia sul mercato, la frase “come posso sfruttare questa piattaforma per la mia azienda?” è la domanda più ricorrente.

Per ora è tutto in fase embrionale. Ma sicuramente i big player del settore introdurranno sistemi per sfruttare questo mercato, come lo shopping on line e la pubblicità.

Dirigente che indossa visore di realtà virtuale in ufficio

Dovrebbe la tua azienda prepararsi a entrare nel metaverso? Pensa ai tuoi clienti tipo [link alla buyer persona]. Se il tuo prodotto o servizio si rivolge a coloro che saranno gli “early adopter” di questa tecnologia, giovani presumibilmente, inizia con un timido approccio, magari cercando di capire che cos’è il metaverso e come funziona.

Ecco alcuni esempi di come potresti sfruttare in modo innovativo il metaverso:

Se sei un’azienda che produce mobili, potresti sfruttare la realtà aumentata per far vedere come i tuoi prodotti staranno nel locale del tuo potenziale cliente.

In modo analogo, se commercializzi occhiali, potresti far provare virtualmente le tue montature. Lo stesso per vestiti e calzature.

Altrimenti potte iniziare a leggere i consigli di Meta per le imprese: https://www.facebook.com/business/news/metaverse-business-opportunity-insights

Ricorda una delle leggi del business: “Dove c’è cambiamento, ci sono opportunità”

Conclusioni: il futuro del metaverso

Quando nasce qualcosa di nuovo è sempre complicato. Ed effettivamente è ancora tutto un po’ fumoso. Ma all’inizio è così con tutte le tecnologie.

Il metaverso potrebbe portare a tutta una serie di cambiamenti in tanti settori: videogiochi, riunioni aziendali, musica, cinema. E poi a una serie di cose nuove che ancora non immaginiamo. Potrebbe essere una vera e propria rivoluzione riguardo il modo su come facciamo alcune cose al giorno d’oggi.