A cosa serve la Facebook Ads Lead Generation?

facebook ads lead generation

Con oltre 2 miliardi e 800.000 iscritti nel mondo, Facebook costituisce la piattaforma dove è presente il maggior numero di persone. E stare dove sta la gente è la prima regola del marketing.

Statistic: Most popular social networks worldwide as of October 2021, ranked by number of active users (in millions) | Statista
Find more statistics at  Statista

Sicuramente hai sentito parlare delle potenti funzionalità di Advertising di Facebook che permettono, tramite un’attenta profilazione del target, di raggiungere velocemente gli utenti interessati al tuo brand.

Se il tuo scopo però è quello di raccogliere contatti hai bisogno di una specifica funzione del social network.

In questo articolo ti voglio spiegare come sfruttare il social di Menlo Park per raccogliere contatti nel modo più semplice possibile.

Che cos’è la raccolta di contatti? E a cosa serve?

Intanto definiamo chi è un contatto, o nel gergo anglosassone del marketing, un lead.

Un lead è una persona che manifesta interesse verso il prodotto o il servizio di un’azienda. Il concetto fondamentale è appunto l’interesse.

persona che guarda interessato un foglio

Se alzi il telefono, chiami una persona a caso e provi a convincerla che la tua palestra è la migliore della zona, quello non è un lead, a meno che alla fine non si dichiari in qualche modo interessato.

Naturalmente un lead non è un cliente e la bravura del marketer sta nel condurre il lead all’acquisto, attraverso un processo.

Questo processo è realizzato da una serie di fasi in cui l’interesse di una persona viene costruito piano piano, facendolo passare dall’essere un contatto freddo (poco interessato) a un contatto caldo, cioè pronto ad aderire all’offerta commerciale della tua azienda.

Di solito questi passaggi hanno a che vedere con la fornitura di contenuti interessanti, strutturati in modo da convincere la persona che la soluzione proposta dalla tua azienda sia quella giusta per lui.

Insomma, la raccolta di contatti costituisce una delle attività più importanti per un’azienda: aumenta la notorietà del tuo marchio (brand awareness), costruisce le relazioni, genera lead e chiude le proposte commerciali. Niente lead, niente clienti, niente business.

Come si ottengono i lead?

Stabilito che i contatti sono importanti, come puoi fare per procurarteli?

La pratica di marketing di raccogliere i dati dei tuoi potenziali clienti viene chiamata lead generation.

Notebook con la scritta Lead generation sullo schermo

Puoi ottenere i lead in molti modi, ma ricorda di dare importanza anche alla qualità del contatto. Non sempre è bene avere un gran numero di lead se poi questi non sono interessati alla soluzione che proponi. Avere tanti lead di bassa qualità è un boomerang: avrai speso soldi per acquisirli e risorse per provare a convertirli, senza ottenere risultati. I tuoi venditori si lamenteranno per la scarsa qualità dei contatti, perché gli farai perdere tempo e non ottenere provvigioni.

Nel settore del web marketing puoi ottenere lead tramite diversi canali, come la SEO, gli annunci su Google o i banner. L’obiettivo è quello di portare traffico su una pagina del tuo sito in cui offrirai all’utente un incentivo (in termini di marketing, un lead magnet).

L’incentivo può essere un contenuto, un webinar, uno sconto, un coupon, una prova gratuita del servizio, qualsiasi cosa a cui una persona dia valore e sia incoraggiato a lasciare i suoi preziosi dati personali.

Non trascurare gli eventi in presenza per raccogliere contatti.

Come si fa la lead generation con Facebook Ads

Fare pubblicità su Facebook è una soluzione di marketing ormai molto sfruttata dalle aziende.

La potenza di questo strumento consiste nella possibilità di raggiungere attraverso vari formati di advertising un pubblico molto targetizzato, che corrisponde il più possibile al “cliente tipo” oppure ai simpatizzanti del tuo brand.

Home page di Facebook

Rispetto ad altri strumenti, come ad esempio Google Ads, fare pubblicità su Facebook è abbastanza semplice, in quanto la dashboard è meno complessa rispetto all’advertising su Google; inoltre il CPC (costo per click) è nettamente inferiore rispetto a quello che dovresti investire su Big G.

Ma non è tutto oro quel che luccica. Anche sulla sezione Gestione Inserzioni di Facebook è bene sapere quello che si fa ed avere chiari gli obiettivi di business per evitare di sprecare il tuo budget.

Gli obiettivi delle Facebook Ads

Avere ben chiari gli obiettivi di business è fondamentale, sicuramente è la base strategica di ogni azione di marketing, on nline o off line.

All’interno della sezione “Gestione Inserzioni” di Facebook possiamo scegliere tra numerosi obiettivi, ad oggi:

  • Notorietà del brand;
  • Copertura;
  • Traffico;
  • Interazione;
  • Installazioni dell’app;
  • Visualizzazioni del video;
  • Generazione di contatti;
  • Messaggi;
  • Conversioni;
  • Vendita dei prodotti del catalogo;
  • Traffico nel punto vendita.

Tra tutti questi obiettivi di campagna Facebook Ads ne esiste uno che permette di raccogliere contatti degli utenti senza uscire da Facebook, l’obiettivo Generazione di contatti.

Niente però vieta di utilizzare un altro tipo di campagna per raccogliere i dati dei potenziali clienti. In entrambi i casi ci sono vantaggi e svantaggi.

Vediamo entrambe le soluzioni.

Metodo 1: utilizzare un modulo sul proprio sito

Il metodo “tradizionale” per la raccolta delle informazioni di potenziali clienti è quello di impostare una campagna Facebook Ads che conduca le persone a una pagina ottimizzata.

Può trattarsi di una landing page sul tuo sito oppure di una pagina costruita su un servizio specifico come ActiveCampaign, HubSpot e via dicendo.

Wireframe di una landing page

Il vantaggio principale di questo metodo è che nella landing page puoi comunicare molte cose del tuo prodotto o servizio rispetto al form nativo di Facebook. Di conseguenza il contatto che arriverà tramite questo tipo di campagna sarà di maggiore qualità rispetto alle campagne che vedremo nel metodo 2.

Lo svantaggio è che Facebook non vede di buon occhio che gli utenti escano dalla sua piattaforma, principalmente perché più le persone restano sul social, più pubblicità vedono, più Facebook aumenta il suo fatturato.

Metodo 2: utilizzare il form nativo di Facebook Ads

Introdotte da Facebook nel 2015, la campagne di Generazione di contatti sono un modo unico per raccogliere dati senza dover costruire un form su una pagina web.

La Facebook Ads Lead Generation è una campagna pubblicitaria messa a disposizione dal social network per raccogliere contatti per la tua azienda.

Icona Facebook su smartphone

Grazie a questa funzione di advertising, che corrisponde all’obiettivo “Generazione di contatti”, è possibile creare una campagna volta a generare contatti che provengono direttamente da Facebook, senza quindi dirottare gli utenti su una landing page esterna o sul proprio sito web.

Questa funzionalità è davvero efficace perché ti permette di creare una campagna già ottimizzata per la lead generation molto velocemente e senza i costi di progettazione di una landing page dedicata.

Davvero un bel vantaggio per tutte quelle aziende che hanno necessità di raccogliere dati, come ad esempio e-mail o telefono di utenti interessati ai propri prodotti o servizi. Il tutto potendo targetizzare in maniera precisa il pubblico di riferimento.

Quindi questa funzionalità di Facebook consente di ottenere contatti ad un costo relativamente contenuto.

Sarà sufficiente generare un modulo di contatto implementando tutte le informazioni che vogliamo acquisire dagli utenti.

Non c’è bisogno di specifiche competenze tecnologiche per creare questo sistema che, per questo motive, risulta anche più veloce da implementare.

Un altro grosso vantaggio di questa tipologia di campagna pubblicitaria di Facebook è che il prospect può fornirti le sue info senza lasciare la piattaforma. Inoltre, il form sarà di solito precompilato con tutte le info che Facebook sa già dell’utente.

In termini di user experience, è un modo di raccogliere dati “a bassa frizione”:

  • si evita di distruggere l’esperienza di navigazione dell’utente, facendolo passare sul tuo sito;
  • il contatto non deve ridigitare le sue informazioni, perché il form è precompilato;
  • le persone non devono controllare le loro e-mail o la cartella Posta indesiderata per una conferma.

Specialmente sui dispositivi mobili, il modulo nativo messo a disposizione da Facebook è un modo di raccogliere contatti semplice ed elegante. Ricorda che oltre l’80% delle persone consulta Facebook esclusivamente via smartphone.

Statistic: Device usage of Facebook users worldwide as of July 2021 | Statista
Find more statistics at  Statista

Tipicamente la campagna Facebook Lead Ads viene usata verso un traffico freddo e inconsapevole. Comunque, se stai promuovendo un nuovo prodotto, servizio o evento, puoi generare lead anche da pubblico caldo.

Ricorda che per raccogliere i lead devi avere una Privacy Policy sul tuo sito.

Naturalmente, sarai in grado di recuperare i dati di questi contatti. Se disponi di un software CRM, e non mi dire che non ce l’hai, puoi stabilire un collegamento con Facebook, in modo che il CRM recuperi le informazioni dei lead in modo automatico. Altrimenti potrai scaricare i dati in formato Excel.

Naturalmente i form nativi di Facebook hanno anche degli svantaggi.

  • La facilità nel lasciare i dati comporta contatti di minore qualità. Puoi ovviare a questo inconveniente aggiungendo dei campi che richiedano l’inserimento di informazioni manuali.
  • inoltre non hai a disposizione lo spazio di una vera landing page. Una pagina di atterraggio, per essere persuasiva, può avere bisogno di una certa struttura, più approfondita e articolata. Il modulo nativo di Facebook Lead Ads non ti consente di inserire molto testo esplicativo, soltanto una breve introduzione.

Spunti per strategie basate su campagne di raccolta lead su Facebook

  1. Utilizza la potenza delle domande per segmentare i contatti. Ricorda che una lista contatti generica ha poche aperture e conversioni: più la lista è generica meno gli utenti sono interessati. Quindi cerca di profilare i contatti secondo alcuni criteri, per non disturbarli con comunicazioni che non sono in linea con i loro interessi. Nella richiesta sul lead di Facebook puoi chiedere l’interesse del contatto, per esempio potresti inserire la domanda: “A quale argomento sei interessato?” Con le risposte preimpostate: Fitness, Alimentazione, Minimalismo, ecc.
  2. Crea un pubblico simile sulla base dei contatti raccolti. E poi fai una campagna su quel pubblico.
  3. Trasforma i tuoi fan o coloro che hanno interagito con la tua pagina in contatti diretti. I fan, coloro che hanno interagito con la tua pagina Facebook e le liste di retargeting, sono proprietà di Facebook: non puoi comunicarci se non passando dal social. Allora, crea una campagna di raccolta lead rivolta solo a queste persone. Una volta acquisito il contatto diretto, potrai gestirlo anche fuori Facebook. Sarà diventato un contatto tuo e potrai comunicarci via telefono o e-mail “gratuitamente”. Avrai cioè un altro canale per comunicare con lui.
  4. Chiedi feedback nel modulo di contatti a chi è già tuo cliente, ai tuoi fan o alle liste di interazione. È un buon canale per migliorare la relazione, ottenere il contatto e capire se stai lavorando bene.

Raccogliere i lead con Facebook Ads

Raccogliere i lead con Facebook Ads può sembrare davvero facile e a tutti gli effetti può esserlo se si ha una buona padronanza degli strumenti di advertising del social network.

Persona che sta per compilare un modulo di contatto su un sito web

È importante però settare molto bene la campagna pubblicitaria ed avere un’ottima padronanza delle procedure di targeting per evitare di sprecare budget mostrando il nostro annuncio a persone non interessate.

Per questo consigliamo sempre di rivolgersi ad un professionista.

Se anche tu hai necessità di raccogliere contatti con Facebook Ads Lead Generation allora contatta senza impegno i nostri esperti Max Mile!